338-1938888 o 331-2460501/2/3 o 0172-55294info@cufrad.it

News di Alcologia

La maschera

La maschera

LA  MASCHERA  

Quando tutti noi arrivammo ai gruppi Al-Anon, avevamo una maschera sul viso e dentro il nostro cuore, maschera che c’eravamo costruiti nell’intento di nascondere le brutture, le angosce, le violenze che l’alcolismo nel tempo ci aveva propinato.

Magari sensazioni risalenti la nostra infanzia, la nostra adolescenza, paure che ci siamo portati dentro e che ancora oggi ci portiamo sopra le spalle come un peso insopportabile.

Traumi che alla fine hanno minato il nostro fisico e il nostro modo d’essere e ci ha resi fragili, prepotenti, scontrosi, tristi, chiusi e in alcuni momenti persino violenti.

Quanti amici abbiamo visto arrivare al Gruppo distrutti nel fisico e nell’anima, come del resto eravamo noi quando siamo approdati in Al-Anon. Il senso di vergogna nei confronti degli altri, umiliati, offesi nel più profondo dell’anima, tutte sensazioni che mandano in tilt qualsiasi uomo e che provocano malanni che distruggono dentro.                 

Con gli amici del gruppo Al-Anon, piano piano, abbiamo imparato a relazionarci meglio, non solo con il nostro alcolista, ma anche all’esterno con la società e con la vita di tutti i giorni.                        

Finalmente la maschera di difesa che c’eravamo costruito cominciava a cadere mettendo in luce il nostro vero stato d’animo, le nostre sensazioni e tutti i sentimenti che non conoscevamo più da molto tempo e che soprattutto con l’aiuto dei tanti amici, abbiamo ricominciato ad apprezzare anche nelle sue più elementari manifestazioni.

Ora, quando riaffiorano le nostre vecchie “paturnie”, abbiamo imparato ad alzare la cornetta del telefono e chiamare qualche amico del gruppo, e oggi ne abbiamo tanti di amici e subito quelle “paturnie” si sciolgono come neve al sole, spariscono come d’incanto. Amici, come chiamereste queste sensazioni di affetto e d’amore, non li chiamereste miracoli?

Non fraintenderci, non dateci dei bigotti perché non lo siamo, anche se alcuni di noi credono in LUI con convinzione.

Possiamo garantirvi che in Al-Anon, quelli che noi chiamiamo miracoli se ne sono visti tanti, più di quanti si possa immaginare.

Oggi molti amici possono affermare che, quella maschera che ci eravamo imposti in difesa della nostra fragilità, è in parte caduta, lasciando il posto all’amore e all'amicizia.

Tutto questo lo dobbiamo ai gruppi Al-Anon, che ci hanno aiutato nei momenti più duri della nostra vita.

Ora noi vorremmo contraccambiare e aiutare i nuovi amici che ancora soffrono per i problemi devastanti dell’alcolismo in famiglia e a questi amici vorremmo dire: FORZA non siete più soli a combattere questa battaglia, ci siamo tutti noi, vi garantiamo che a poco a poco vi aiuteremo a togliervi la MASCHERA, se lo vorrete.

 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)