338-1938888 o 331-2460501/2/3/4 o 0172-55294info@cufrad.it

News di Alcologia

Anche un consumo moderato di alcol può mettere a rischio la salute mentale

Anche un consumo moderato di alcol può mettere a rischio la salute mentale

Anche un consumo moderato di alcol può mettere a rischio la tua salute mentale

Chi dice che solo gli effetti del bere pesante sono dannosi per il ​​tuo cervello? Anche un moderato consumo di bevande alcoliche può essere associato a un rischio enorme, secondo uno studio. Secondo lo studio, il consumo di alcol, anche a livelli moderati, è associato ad un aumentato rischio di esiti avversi nel cervello e a un declino più marcato delle capacità cognitive. È noto che il bere pesante è associato a una scarsa salute del cervello, ma pochi studi hanno esaminato gli effetti del bere moderato sul cervello, ei risultati sono incoerenti. Così un gruppo di ricercatori, con sede all'Università di Oxford e all'University College di Londra, si proponeva di indagare se il consumo moderato di alcolici avesse un'associazione benefica o dannosa, o nessuna associazione, con la struttura e la funzione del cervello. Hanno utilizzato i dati sull'assunzione settimanale di alcol e le prestazioni cognitive misurate ripetutamente su 30 anni (1985-2015) per 550 uomini e donne sani che hanno preso parte allo studio Whitehall II. Questo studio sta valutando l'impatto dei fattori sociali ed economici sulla salute a lungo termine di circa 10.000 adulti britannici. I partecipanti avevano un'età media di 43 anni all'inizio dello studio e nessuno era dipendente dall'alcol. I test di funzionalità cerebrale sono stati eseguiti a intervalli regolari e alla fine dello studio (2012-15), i partecipanti sono stati sottoposti a scansione cerebrale MRI.

Sono stati presi in considerazione diversi fattori che potrebbero aver influenzato i risultati (noti come confondimento), come età, sesso, istruzione, classe sociale, attività fisica e sociale, fumo, rischio di ictus e anamnesi. Dopo essersi adattati a questi fattori confondenti, i ricercatori hanno scoperto che un maggiore consumo di alcol durante il periodo di studio di 30 anni era associato ad un aumento del rischio di atrofia dell'ippocampo - una forma di danno cerebrale che colpisce la memoria e la navigazione spaziale. Mentre quelli che consumano più di 30 unità a settimana erano ad alto rischio rispetto agli astemi, anche quelli che bevevano moderatamente (14-21 unità a settimana) avevano tre volte più probabilità di avere atrofia dell'ippocampo rispetto agli astemi. Non c'era alcun effetto protettivo del bere leggero (fino a 7 unità a settimana) rispetto all'astinenza. Un consumo maggiore è stato anche associato a un'integrità della materia bianca più povera (fondamentale per un funzionamento cognitivo efficiente) ea un declino più rapido della fluidità linguistica (quante parole che iniziano con una lettera specifica possono essere generate in un minuto). Ma non è stata trovata alcuna associazione con fluenza semantica (quante parole in una categoria specifica possono essere nominate in un minuto) o richiamo di parole. Gli autori hanno sottolineato che si tratta di uno studio osservazionale, quindi non è possibile trarre conclusioni definitive su causa ed effetto e alcune limitazioni potrebbero aver introdotto pregiudizi. Tuttavia, i punti di forza chiave comprendono le informazioni sul consumo di alcol a lungo termine e i dati dettagliati disponibili sui fattori di confusione. (Leggi: Ecco perché anche bere moderatamente NON va bene)

"Le nostre scoperte supportano la recente riduzione dei limiti di sicurezza del Regno Unito e mettono in discussione le attuali linee guida statunitensi, che suggeriscono che fino a 24,5 unità a settimana sono sicure per gli uomini, poiché abbiamo rilevato aumentate probabilità di atrofia dell'ippocampo a soli 14-21 unità a settimana e non abbiamo trovato alcun supporto per un effetto protettivo del consumo di luce sulla struttura del cervello ", hanno scritto. Aggiungendo: "L'alcol potrebbe rappresentare un fattore di rischio modificabile per il deterioramento cognitivo e gli interventi di prevenzione primaria mirati alla vita futura potrebbero essere troppo tardi." In un editoriale collegato, Killian Welch, consulente neuropsichiatra presso il Royal Edinburgh Hospital, ha affermato che questi risultati "rafforzano il argomento che le abitudini di consumo che molti considerano normali hanno conseguenze negative per la salute. "Questo è importante, ha aggiunto.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://it.thefreespiritedwoman.com/even-moderate-consumption-of-alcohol-can-risk-your-mental-health

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)