338-1938888 o 331-2460501/2/3 o 0172-55294info@cufrad.it

News di Alcologia

THC e malattie coronariche: correlazioni

THC e malattie coronariche: correlazioni

 

Marijuana fa male al cuore

La marijuana è spesso al centro di polemiche e dibattiti circa le conseguenze che può avere sulla nostra salute, in particolare quella del cuore.

Non sono rare le convinzioni circa i danni che il THC contenuto nella cannabis porti al cuore, ad esempio infarti, accelarazione del battico cardiaco, dolore toracico, malattie coronariche. Secondo alcuni studi effettuati su pazienti con infarto miocardico acuto, una piccola percentuale ha riferito di aver fumato marijuana nell’anno precedente o sino a 9 ore prima dell’infarto. Ma il rischio è davvero minimo.

Il THC, infatti, non agisce direttamente sul cuore anzi, una sperimentazione recente dimostra che la somministrazione di delta-9-THC protegge i muscoli del miocardio dai danni da ipossia ovvero la deficienza di ossigeno nel sangue.

Inoltre se l’angina è legata a una contrazione spastica delle arterie coronariche, la cannabis può rilassare lo spasmo.

E’ chiaro che chi abbia una predisposizione o soffra già di  malattia coronarica debba stare attento a non fumare, né marijuana né tabacco.

 

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

http://www.lettera43.it/benessere/guide/marijuana-fa-male-al-cuore_6895.htm

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)