338-1938888 o 331-2460501/2/3/4 o 0172-55294info@cufrad.it

News di Alcologia

Queensland University of Technology (QUT): il tandospirone potrebbe invertire i deficit cerebrali causati dall'alcol

Queensland University of Technology (QUT): il tandospirone potrebbe invertire i deficit cerebrali causati dall'alcol

I ricercatori del Queensland University of Technology (QUT) hanno identificato un farmaco che potrebbe potenzialmente aiutare il nostro cervello a riavviare e invertire gli effetti dannosi del consumo di alcol pesante sulla rigenerazione delle cellule cerebrali.

I loro studi condotti su topi adulti mostrano che due settimane di trattamento giornaliero con il farmaco tandospirone hanno invertito gli effetti di 15 settimane di consumo di alcol binge-like sulla neurogenesi: la capacità del cervello di crescere e sostituire i neuroni (cellule cerebrali).

I risultati sono stati pubblicati in rapporti scientifici.

Questa è la prima volta che tandospirone ha dimostrato di invertire il deficit nella neurogenesi cerebrale indotta dal consumo di alcol pesante
Tandospirone agisce selettivamente su un recettore della serotonina (5-HT1A)
I ricercatori hanno anche dimostrato nei topi che il farmaco era efficace nell’arrestare i comportamenti ansiosi associati alla sospensione dell’alcool, e questo era accompagnato da una significativa riduzione dell’assunzione di alcol da binge.
“Questa è una nuova scoperta che il tandospirone può invertire il deficit nella neurogenesi causata dall’alcol”, ha detto la prof.ssa Selena Bartlett, esperta di neuroscienze del leader dello studio dell’Istituto di salute e innovazione biomedica di QUT.

“Sappiamo che con il bere pesante si inibisce la capacità di far crescere nuovi neuroni, cellule cerebrali. L’alcol è particolarmente dannoso per i neuroni.

“Altri studi su topi hanno dimostrato che il tandospirone migliora la neurogenesi cerebrale, ma questa è la prima volta che viene dimostrato che può invertire completamente i deficit neurogeni indotti dall’alcol.

“Questo apre la strada a guardare se la neurogenesi è associata ad altri deficit di abuso di sostanze, come nella memoria e nell’apprendimento, e se questo composto può invertirli”.

La professoressa Bartlett, che ha sede presso il Translational Research Institute, ha detto che la scoperta da parte dei coautori dello studio QUT, i ricercatori di ricerca post dottorato, Dr Arnauld Belmer e Dr Omkar Patkar, sono nati in modo fortuito dopo che la ricerca è iniziata in una direzione diversa.


Ricercatori della QUT hanno dimostrato nei topi che il farmaco tandospirone può invertire gli effetti dannosi del consumo di alcol pesante sulla rigenerazione delle cellule cerebrali. L’immagine di NeuroscienceNews.com è accreditata a QUT.

“È stato sorprendente ed eccitante”, ha detto il dott. Belmer.

“Questo farmaco è relativamente nuovo e disponibile solo in Cina e Giappone.

È comunemente usato lì e dimostrato di essere molto efficace nel trattamento dell’ansia generale e ben tollerato con effetti collaterali limitati. “

Il professor Bartlett ha detto che i ricercatori sono costantemente alla ricerca di nuove strategie di trattamento per l’abuso di alcol e la dipendenza, che è caratterizzato da periodi prolungati di uso di alcool pesanti, abbuffate e astinenza, e ansia e depressione che contribuiscono alla ricaduta.

(...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link: https://dieteasier.com/2018/02/09/il-tandospirone-puo-invertire-i-deficit-cerebrali-causati-dallalcol/

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)